Mente Locale della Piana

Il Comitato che vi svela le verità nella Piana Fiorentina e oltre

IL PARTITO DEL NO (2)

We_Can_Do_It!

Partito del no: congerie di comitati, associazioni, singoli cittadini del cazzo che si oppongono a tutto quanto le sagge amministrazioni divisano di fare sul loro territorio. Di questo partito, che tanto sta sui corbelli alle sagge amministrazioni (a Torino qualche sbirro e qualche politicante hanno addirittura supposto che questi comitati, queste associazioni, questi singoli cittadini del cazzo siano terroristi… come se opporsi alla TAV fosse la stessa cosa che rapire e ammazzare Moro…), il vostro comitato preferito se non è il presidente onorario, è almeno nel consiglio direttivo. Siamo per il NO a tutto. Ora però toccherà dare una tessera anche al PD, che il 19 maggio u.s ha appunto detto NO alla richiesta del comitato Noaeroporto di Campi, che pure aveva raccolto 314 firme a sostegno, di indire un’assemblea pubblica per informare la popolazione sui nuovi progetti dell’aeroporto di Peretola (vulgo: nuova pista di 2.400 metri e nuovo scalo intercontinentale). L’autore del diniego è il presidente del consiglio comunale, Alessio Colzi, proprio lui, quello a cui i cittadini piacciono quando vanno a votare preferibilmente lui, ma non quando si esprimono liberamente. Esprimersi liberamente non è consentito. Come ci disse una volta, “c’è referendum e referendum”. Per non negarsi nulla, il partito del medesimo Colzi ha rigettato, sempre l’infausto 19 maggio, un ordine del giorno del M5S che presentava una fotocopia dell’ordine del giorno già approvato dal consiglio comunale di Sesto con il voto favorevole (e compatto) del PD che allargava il famoso tavolo dei sindaci (quello de “I Guardiani della Galassia” di qualche post fa) anche ai consiglieri e impegnava il comune di Sesto a organizzare assemblee pubbliche informative. Cosa che il comune di Sesto ha fatto.
Per bocca di qualcuno che non nominiamo perché dire il suo nome sporcherebbe irrimediabilmente questo articolo, il 19 maggio abbiamo appreso che la partecipazione popolare è superflua, in quanto ci pensa il sindaco a rappresentare i cittadini.
Fantastico! E’ previsto il 95% degli aerei in atterraggio su Capalle, a 220 metri dal suolo; e il 65% dei decolli su Campi Bisenzio, ma tanto ci pensa il sindaco. Che cazzo vogliono questi cittadini (del cazzo)? Interloquire con le decisioni delle strutture abilitate (anche questa ce la disse Colzi)? Ci mancherebbe altro. Sarebbe una sconfitta della politica ; è la politica non può mica perdere. Magari perdono i cittadini (del cazzo) ma sono affari loro. Ecco, proprio una bella democrazia ci tocca, nell’era Renzie. Quindi se noi diciamo NO, senza se e senza ma, all’inceneritore, al sottoattraversamento di Firenze, all’aeroporto intercontinentale dentro la città (e già che ci siamo anche dentro un’Università), siamo del partito del NO, e invece quando il PD dice NO alle richieste dei cittadini di essere informati, NO al coinvolgimento della popolazione (che invece andava bene a Sesto, chissà perché), che cosa sarebbe? Noi saremo anche singoli cittadini del cazzo, ma anche questi qui non sono messi bene.
Di qui due considerazioni: il PD a Campi si segnala ormai fanalino di coda (siamo dietro ormai anche a Sesto, a Poggio a Caiano, a Calenzano). Cose che lì sono possibili, qui, con questo consiglio comunale, sono impossibili. Se ne deduce che a questo punto il PD campigiano è il peggiore Pd della Piana, se non d’Italia. Ma non esageriamo; magari a Roma, con Mafia Capitale, hanno qualche problema in più. Se ne deduce anche un’altra cosa: se c’è un partito del NO tra i cittadini verso le amministrazioni, e c’è un partito del NO verso i cittadini anche nelle varie istituzioni, come la vicenda del disgraziato 19 maggio u.s. ha ampiamente provato, vuol dire che cittadini e amministrazioni non vivono più nello stesso paese. Le seconde continuano a proporre opere che i cittadini vivono come scempio del loro territorio; e i cittadini continuano a opporsi in tutti i modi ad opere che vivono come scempio del loro territorio e si difendono con i mezzi a loro disposizione. Vi sembra che si possa andare avanti in questo modo?
Ma non si tratta di una crisi delle istituzioni, che in sé e per sé, nella loro forma, nulla hanno che non vada. Il problema sono i partiti, la cui funzione costituzionale (art. 49) è permettere ai cittadini di concorrere con metodo democratico a determinare la politica. C’è scritto nella costituzione. Almeno, l’ultima volta che abbiamo guardato c’era ancora –di questi tempi, non si sa mai. Il tenere fuori i cittadini da questo concorso, oltre che essere un tradimento della costituzione, è una spia della crisi di fondo di un sistema democratico che sta perdendo velocemente le proprie fonti di legittimità costituzionale. Il vero guaio di quello che è successo il 19 maggio non è che assemblee informative non verranno indette; noialtri singoli cittadini del cazzo le indiciamo tranquillamente da soli, figurati se abbiamo bisogno di Colzi (anzi è molto meglio se non c’è); e infatti tutte quelle che si sono svolte sul territorio comunale le abbiamo indette noi. Il vero guaio di quello che è successo il 19 maggio è la chiusura a riccio di un partito che ha fagocitato un’istituzione e che ora la coinvolge nella sua crisi, andando a rotta di collo verso una democrazia senza votanti, senza partecipazione, senza etica pubblica, senza vita e senz’anima, in cui i cosiddetti rappresentanti, votati ormai da sparute minoranze, discutono tra loro (ma poi di che discutono, se tutte le decisioni sono prese altrove?) a tavoli convocati da loro stessi non si sa bene con che finalità.
A Fossi, Colzi e varia compagnia di giro questo futuro va molto bene. Ci si ingrassano, ed è molto meglio che dover andare a lavorare. A noi non va bene, ma tanto si sapeva che siamo il partito del NO. A voi va bene? Sfruttate l’occasione del 31 maggio per esprimervi, fate un po’ i cittadini del cazzo e andate a votare invece di rintanarvi in casa, prima che ci sia qualcuno che vi venga a dire “c’è elezione e elezione” e sia, tragicamente, tardi.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 maggio 2015 da in Editoriale con tag , , , , , , , , , , , , , .

Categorie

maggio: 2015
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: