Mente Locale della Piana

Il Comitato che vi svela le verità nella Piana Fiorentina e oltre

UN PRECEDENTE PERICOLOSO

calciobalilla

Apprendiamo che il prossimo, previsto consiglio comunale a Sesto fiorentino avverrà, per volontà della maggioranza, non il 7 aprile come da calendario, ma il 9 aprile, per via della concomitanza della partita Fiorentina-Juventus. I consiglieri hanno da vedere la partita; gli importa una sega di una infrastruttura che manda definitivamente al macero parco della piana e piana stessa… quella può aspettare. Forza Fiorentina! Avessimo ragionato così noi comitati, che da un anno ci opponiamo coerentemente e con i fatti, e non con le chiacchiere, a questa infrastruttura, a quest’ora l’avevano bell’e fatta.

Apprendiamo ancora che detto consiglio non potrà svolgersi in una sede più grande per permettere la partecipazione del pubblico interessato. La presidenza del consiglio ha infatti cassato tale richiesta, avanzata da un consigliere di opposizione, motivando l’atto con la necessità di non gravare sulle casse dell’amministrazione comunale. Questa motivazione ci fa sbellicare dal ridere per la sua insipienza. In primo luogo, esistono altre sale pubbliche dove si sarebbe potuto svolgere il consiglio senza spendere una lira. In secondo luogo, le casse dell’amministrazione comunale non sono proprietà privata dell’amministrazione comunale e della presidenza del consiglio in particolare, ma sono soldi dei cittadini. Anche si fosse tirato fuori qualche euro per informare i cittadini, sarebbero stati soldi bene spesi. Peraltro, la medesima amministrazione comunale, quando ha istituito assieme ad altri garruli amministratori i Guardiani della galassia (vedi l’omonimo post) si è detta invece disponibile a sostenere i costi per l’assunzione di tecnici che studino le carte di AdF sull’aeroporto. Se volevano risparmiare, potevano chiedere direttamente a noi, che invece le carte ce le siamo studiate eccome, e ai nostri tecnici, che hanno preparato le relazioni allegate agli esposti e ai ricorsi da noi presentati, e che sono stati pagati di tasca nostra (peraltro, molti di loro hanno lavorato gratis per puro servizio civico). Ma non sia mai che gli amministratori ricorrano ai cittadini! Su questo torneremo. E già che siamo in tema di risparmio, ci piacerebbe che la presidenza del consiglio, tanto sensibile su questa tema, ci dicesse quanto ha speso il comune di Sesto sotto le precedenti due amministrazioni per la piantumazione di alberi e di specie arboree pregiate, e per la realizzazione di dune artificiali in vista della costituzione della piana (che a questo punto è bello che ito). Chi volesse vederne i miseri resti, è pregato di farsi un giro nel territorio tra Sesto e Prato più o meno dietro case Passerini. Le specie arboree pregiate e gli alberi piantumati sono ovviamente deceduti nel frattempo. Le dune sono rimaste ma ormai saranno piene di metalli pesanti per via della vicina autostrada. Questi sono sprechi, mica le due lire per un consiglio comunale allargato!

Ma la notizia migliore la teniamo per ultima. Il medesimo consigliere di cui sopra aveva richiesto che al previsto consiglio comunale potesse prendere la parola il portavoce dei comitati Noaeroporto, Gianfranco Ciulli. La cosa è stata negata con questa motivazione: si tratterebbe di un “precedente pericoloso”, né il consiglio comunale può diventare uno “sfogatoio”. Ora, a parte il fatto che Ciulli non è un califfo dell’Isis e che quindi farlo parlare in consiglio comunale non comporterebbe né stragi né ammazzamenti; a parte il fatto che altre volte in altri consigli comunali (ma anche a Sesto ci risulta) sono stati fatti parlare cittadini, e non è morto nessuno; in che cosa consisterebbe il pericolo? Forse nel fatto che, avendo letto le carte, Ciulli avrebbe vita facile nel dissipare le bugie e le nebbie che avvolgono l’istituzione dei Guardiani della galassia? Come si fa a ritenere di no?

Prendiamo atto che questi amministratori ritengono i cittadini soggetti pericolosi, e che ciò che disse il sindaco Biagioli all’assemblea tenuta alla casa del popolo di Calenzano martedì 24 u.s., secondo cui la nascita dei Guardiani della galassia era un fatto destinato a favorire azioni comuni tra amministrazioni e cittadini, era, come già si sospettava ampiamente, un’altra solenne cazzata. Se gli amministratori avessero voluto favorire azioni comuni, potevano tranquillamente fare fronte con i cittadini che già si organizzavano per combattere l’infrastruttura malefica sia sul fronte politico che su quelle giudiziale. Non solo non l’hanno voluto fare, nascondendosi dietro operazioni di facciata come i Guardiani della galassia che, essendo un organismo privo di qualsiasi legittimità amministrativa, non conta proprio nulla, ma ora ci negano persino la parola in contesti dove si dovrebbe spiegare che cosa sia e che cosa faccia quest’aeroporto. Cosa che i Guardiani non sanno, sennò non si riproporrebbero di assumere tecnici ad hoc (che ovviamente paghiamo noi… dopo avere già pagato i nostri); salvo però rifiutarsi di assumere i cittadini come propri interlocutori. E con chi vorreste parlare, signori Guardiani? Con Rossi, che dovrà rispondere alla corte dei conti per avere svenduto a un prezzo vile gli aeroporti toscani a un privato? Con Lupi, che mentre votava il Jobs Act in consiglio dei ministri per rendere precari i figli degli altri, per il suo pretendeva lo stipendio fisso di 2000 euro/mese più IVA (pure l’IVA voleva!); con Incalza? Con Carrai (però a pensarci bene è un privato cittadino anche lui)? Con chi vorreste parlare, se non parlate con noi, i cui interessi e beni avrete giurato di proteggere?

Peraltro, non c’è nulla da meravigliarsi. Lo stesso sindaco di Sesto aveva già dichiarato, in altra sede, che i comitati non rappresentano i cittadini. E’ infatti noto che i comitati non sono composti da cittadini ma da perfidi invasori extraterrestri. Ma secondo voialtri Guardiani, a noi chi ce lo fa fare di buttare via tempo e soldi se non la necessità di difendere il nostro territorio dagli appetiti di gente che sta da altre parti, territorio che sarebbe in capo a voi di dover difendere? Quindi è chiaro cittadini e istituzioni non hanno più nulla da dirsi; le istituzioni o non possono o non vogliono fare quello che compete loro; e i cittadini si organizzano da sé e combattono le loro battaglie (che sono su interessi PUBBLICI e non PRIVATI) facendo totalmente a meno delle istituzioni locali.

Guardate che lo diciamo con la morte nel cuore. La nascita di roba mai sentita prima come i Guardiani della galassia è un sintomo di questo scollamento. E’ quello il precedente pericoloso. Vuol dire che per il governo del territorio eleggere il sindaco non conta nulla. Conta il volere del padrone di lontano. E’ la campana a morte per le istituzioni repubblicane, svuotate da un neo-feudalesimo che fa spavento. E’ per questo che noi lottiamo; in gioco non c’è solo un aeroporto. Prendiamo atto che in questa battaglia siamo soli e non supportati dalle amministrazioni. Ma ci sentiamo molto bene. Se poi i Guardiani della galassia, nel loro giro di ricognizione intorno a Betelgeuse, con tutti i loro tecnici, ci mandano una cartolina, ci fa pure piacere.

Annunci

Categorie

marzo: 2015
L M M G V S D
« Gen   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: