Mente Locale della Piana

Il Comitato che vi svela le verità nella Piana Fiorentina e oltre

I GUARDIANI DELLA GALASSIA

Guardiani Sindaci

Come e meglio dei Guardiani della galassia di un film hollywoodiano del cazzo. Ora ci sono i nove sindaci dell’area fiorentina e pratese che hanno firmato oggi un protocollo d’intesa di istituzione del Comitato di garanzia per l’impatto ambientale del nuovo aeroporto di Peretola. E infatti ci sentiamo tutti più tranquiiiiiilli.
Perché hanno firmato ‘sto protocollo e si sono costituiti in Guardiani della galassia. Avete queste miserabili curiosità? Ecco qui la spiegazione, tratta dal virgolettato di Piananotizie: “L’osservatorio prevede due tavoli uno politico e uno tecnico – ha detto il sindaco Biagiotti – il tavolo politico è presieduto dalla Città Metropolitana e quello tecnico da un tecnico nominato dal Comune di Sesto. Obiettivo del Comitato di garanzia è di valutare l’impatto ambientale, l’assetto idrogeologico e tutte le questioni della Piana. Il punto di forza di questo protocollo è la nostra unità per affrontare questa fase progettuale. Abbiamo scritto e steso questo protocollo e qui, Sesto Fiorentino, sede dell’impianto, si parte per dire quali sono le questioni all’attenzione del processo”.
Ed ecco che ci sentiamo meno tranquiiiiiilli. In primo luogo perché conosciamo i nostri polli. Dov’erano i Guardiani della galassia, quando la Regione ammise, nella Variante al PIT, che la falda acquifera sotto l’Osmannoro era già inquinata, e questa ancor prima della realizzazione dell’aeroporto? Che, come si sa, con il dilavamento della pista su cui ci va la gomma dei pneumatici, l’olio e il carburante (che poi finiscono tutti nella falda acquifera con le piogge), si compromette ancora di più una situazione già compromessa. L’esempio nefasto di Malpensa insegna. Ma i valorosi Guardiani della galassia si erano distratti un attimo e non si erano nemmeno accorti dell’inquinamento già presente. O magari, impegnati come sono con l’osservazione della galassia, e con l’Ipad ganzo pagato da noi, non hanno letto le carte. Magari bastava essere presenti al convegno del 7 marzo ultimo scorso a Santa Apollonia, dove parecchi membri dell’Università di Firenze hanno dimostrato come e qualmente il sottoattraversamento di Firenze, l’inceneritore e l’aeroporto nòvo sono un tradimento di ogni pianificazione razionale da parte delle autorità –convegno che i cittadini si sono pagati di tasca loro, perché i Guardiani che spendono per Ipad e portavoce vari non cacciano uno sgheo per l’approfondimento dei temi su cui si impegnano a vigilare. E già che siamo in tema di sottoattraversamento, di Firenze, finito in ruberie e inquinamenti non da poco, si erano accorti di qualcosa, i Guardiani della galassia? Mai più. Meno male che stavano sul chi vive i cittadini, i cui esposti e le cui denunce hanno portato all’attuale inchiesta. E questi qui dovrebbero vigilare su qualcosa? Sarà; ma a noi sembra che non possano rispondere nemmeno di sé da qui a stasera, e come Guardiani invece che della galassia li preferiremmo di un barroccino delle caldarroste, anche se ci sarebbe da mettersi in pensiero a metterli a badare anche a quello.
Poi c’è il secondo motivo. A noi che l’osservatorio preveda due tavoli, frega assolutamente niente, perché questi sono due tavoli del cazzo, per via del fatto che non sono previsti da nessun ordinamento della Repubblica Italiana –a meno che nella Piana non si sia in un’altra Repubblica, tipo delle banane (che vanno a finire dove potete facilmente immaginare), cosa che in realtà sospettavamo già da un pezzo. Di conseguenza, essendo il tavolo non previsto da nessun ordinamento, non ha nessun potere. Non è che perché questi qui si sono messi in testa di fare i Guardiani della galassia, diventano veramente tali. Anzi, a pensare in termini di ordinamento amministrativo, nessuno di questi Guardiani ha un grammo di potere in più rispetto a quello che aveva come sindaco, ossia quello di emettere ordinanze e di intervenire per salvaguardare la salute della popolazione. Poteri che i Guardiani della galassia si sono ben guardati dall’esercitare quando hanno rifiutato di fare ricorsi ed esposti con i cittadini. Meglio sedere ai tavoli non previsti da nessuno ordinamento, e far finta di essere i Guardiani della galassia. E noi ci dovremmo fidare di questi?
Ma, potrebbe obiettare uno dei più tranquiiiilli dei Guardiani (in effetti, non sembra un granché pugnace neanche a guardarlo) i sindaci hanno da fare i sindaci e i comitati i comitati. GIUSTO! E dal momento noi cittadini ci siamo rotti i coglioni di doverci tutelare da noi da ruberie e da disastri ambientali, visto che stipendiamo sindaci che dovrebbero fare esattamente questo; visto che sono i cittadini di tasca propria a proteggere territorio e salute, mentre i sindaci sedicenti tali giocano a fare i Guardiani della galassia, sarebbe ora anche di farci ridare indietro un po’ di stipendi interamente non guadagnati.
Diciamo perciò addio ai Guardiani della galassia. Se poi trovano qualcuno a Betelgeuse o Spica che crede a queste fanfaluche, peggio per loro; abbiamo già abbastanza problemi per conto nostro, senza dover pensare ai guai della galassia, che tanto ha già i suoi guardiani.

Annunci

Categorie

marzo: 2015
L M M G V S D
« Gen   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: