Mente Locale della Piana

Il Comitato che vi svela le verità nella Piana Fiorentina e oltre

La Newsletter dei lettori: … Abito sotto la direttrice di atterraggio dell’Aereoporto Vespucci

Ci scrive una lettrice che abita nei paraggi dell’aeroporto Vespucci. È una lettera sorprendente, per certi versi. Eccola qui (nome e indirizzo sono omessi per ragioni di privacy; la riproduzione è autorizzata):

Buongiorno,
abito da pochi mesi in via …….., la mia casa si trova esattamente sotto la direttrice di decollo/atterraggio dell’aeroporto. D’estate, con le finestre aperte, sembra di vivere sulla pista, tanto si sentono vicini gli aerei. Sicuramente il limite dei decibel è ben più alto del consentito e sarei disponibile a far posizionare sul tetto del mio garage le apparecchiature per la misurazione. Non so poi a cosa ciò potrebbe portare, probabilmente a niente.
Ma vorrei per lo meno provare a fare qualcosa e vorrei da parte vostra qualche indicazione in merito.
Grazie, saluti
 
Che cosa c’è di sorprendente? Certo non le cose che la nostra lettrice racconta; si tratta, semplicemente, dell’inferno quotidiano che si trova a vivere chi abita in quei paraggi. Più sorprendente è il fatto che la lettrice scriva a noi; autorità politiche, magistratura, giornalisti e gazzettieri non hanno tempo per stare a sentire questa storia? Magari li riguarda.
Certo è che questa storia riguarda noi — perchè la storia che racconta questa lettera è il fatto semplice che dietro i magnifici traguardi dello sviluppo e della crescita, ci sono sempre vite, vite sacrificate e sminuite, talora persino vite spezzate. Le vite sacrificate di chi subì l’ampliamento dell’aeroporto nel 2006, e a cui fu raccontato che si sarebbe fatto di tutto per alleviare i loro fastidi, che questi sarebbero stati passeggeri. Invece sono stati permanenti. Ed è quello che accade a ogni riforma epocale; la riforma (se di riforma si può parlare piuttosto che di diminuzione del diritto) delle pensioni e la questione degli esodati; o la TAV in Val di Susa; o l’abolizione della art. 18 dello statuto dei lavoratori, tutte cose che, viste dai piani alti della politica riguardano i trattati europei e la credibilità del sistema paese, ma che per coloro che si trovano coinvolti in prima persona significano piuttosto tenori di vita che si abbassano, progetti di vita che svaniscono, abitudini di vita che vengono strappate via. La minoranza che si deve sacrificare in nome del bene della maggioranza, si dirà. È pur vero che chi lo dice, di solito, fa fatica a rinunciare anche a un solo grammo delle proprie certezze consolidate, come quel capogruppo parlamentare (di cui tacciamo il nome per carità di patria) che pochi giorni fa minacciava il governo acciocché si sbrigasse con la spending review, ché lui era abituato a fare le ferie d’agosto, mica ci poteva rinunciare per stare a votare la fiducia a ‘sto schifo di spending review…. E infatti il governo si è sbrigato e i risultati si sono visti.
Questa lettera ci ricorda insomma una cosa molto semplice; dietro le parole altisonanti c’è la semplice realtà dei rapporti umani, c’è la carne e c’è il sangue, c’è il sorriso di chi vince e il pianto di chi perde. Chi sorride di solito non è la maggioranza, la quale al meglio è lontana e indifferente, ma i pochi, sempre troppo pochi e quasi sempre gli stessi; chi perde, di solito, sono i più deboli.
Ma, si dirà, è proprio per evitare i disagi della signora che occorre una nuova pista parallela, perchè così gli aerei non atterreranno e decolleranno su casa sua. Però atterreranno e decolleranno su casa di qualcun altro (che sarà altrettanto miserabile), e quindi, gira che ti rigira, questo sorriso di pochi qualcuno l’ha pur sempre da pagare. Non se ne esce insomma, una politica che non veda qualcuno passare all’incasso e qualcun altro accomodarsi alla cassa non siamo capaci di trovarla.
Lo stesso vale per la questione lavoro: l’aeroporto, ci dicono, comporterà 5.000 nuovi posti di lavoro. Ci permettiamo di essere scettici; addirittura 5.000? e perchè non un milione? E poi: che posti di lavoro? Quelli precari di chi smista i bagagli? Queste promesse le abbiamo già sentite… ma ammettiamo anche che siano 5.000; perchè questi 5.000 posti devono essere per forza ricavati in un’attività che va a danno di altri? Eppure nella Costituzione c’è scritto chiaramente che il lavoro è un diritto, perché è il modo in cui l’uomo entra nella comunità degli uomini e contribuisce al suo fiorire. Non c’è scritto che è un regalo e bisogna essere pure contenti anche se va a detrimento diretto di altri e mette una comunità contro altre comunità, cittadini di Brozzi e Peretola contro cittadini di Campi e Sesto e Prato. Poi ci si meraviglia se c’è la sindrome Nimby. Questo non è vero lavoro, con il quale tutti si cresce insieme; è una questione di affari; e negli affari, si sa, qualcuno ci deve rimettere sennò il guadagno dov’è?
Ecco che cosa ci dice questa lettera che ci parla di cose vere, di cose e persone vere, non di crescite e sviluppi immaginari e di posti di lavoro sulla carta, ma di che cosa vuol dire vivere in un posto così e di come trascorre il tempo di chi vive in quello spazio. Una lettera dal mondo vero insomma, non dal mondo di carta di chi parla di parole.
Scriveteci più spesso. Ci fa bene.
Annunci

Un commento su “La Newsletter dei lettori: … Abito sotto la direttrice di atterraggio dell’Aereoporto Vespucci

  1. Roberto Spini
    18 luglio 2012

    Mi unisco al coro di chi prova tutti giorni sulla propria pelle lo sconcertante disagio degli aerei che passano esattamente sopra la propria casa.
    Abito in Via S.Giusto a Campi dal 2000, nei primi anni fino al (2006?) era un posto tranquillo, rimasto un pò fuori dalla cementificazione selvaggia e si respirava un’ aria che ricordava la campagna. Poi l’ ampliamento dell’ aeroporto, l’ arrivo di nuovi aerei( Airbus 319, Lufthansa linea Regional, etc…) e un probabile cambio di rotta di questi little-big, e inizia il caos. Decine e decine di aerei in decollo, con motori al massimo, che calcano esattamente la direttrice di S.Giusto. D’ inverno con i doppi vetri si riesce a sopportare abbstanza, in estate con le finestre aperte dal primo aereo delle 6.40 fino alle 23 passate e’ un incubo. Spesso, per proteggere l’ udito devo tapparmi le orecchie, alzare il volume dello stereo o la voce se sto’ parlando con mia moglie. Chi conosce la zona sa di cosa sto’ parlando. I weekend estivi, prima delle ferie spesso andiamo via non solo per impegni o relax, ma anche per fuggire al rumore. Quest’ ultimo si sente, figuriamoci l’ inquinamento da kerosene che c’è. L’ Arpat che dice? Avvertirà solo a danno fatto? Quando migliaia di cittadini avranno problemi di udito o polmonari? Dubito che l’ Aeroporto di Peretola venga ridimensionato in piccolo e ritorni quello che era un tempo, ormai il nuovo Terminal è fatto, la tranvia la stanno facendo, manca solo la nuova pista parallela. Sono questi i motivi che ci hanno fatto maturare l’ idea di trasferirsi, ma nel frattempo continuamo a lottare.

Lascia un Commento (ogni commento prima di essere visibile dovrà essere moderato dall'amministratore)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 luglio 2012 da in Newsletter dei lettori con tag , , , , , , , , , , , .

Categorie

luglio: 2012
L M M G V S D
« Giu   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: